Nome utente o mail:

Hai già un account ?


Dimenticato password ?
clicca QUI
  • ACCEDI a FV    o     REGISTRATI

    ForumViaggiatori

    NOVITA' Assicurazione Viaggio AXA ASSISTANCE - SCONTO 10% solo per gli utenti FV - Codice Promo = FV10

     

    Che Tempo fa ?   dove andare nel mese di ...

     

    Coperto il 18% delle SPESE mensili SERVER275
     
    -
     

    Generico

      Italia   Europa   Nord
    America
      Centro
    America
      Sud America
    Antartide
      Asia   Africa   Oceania  

    VISTO ESTA PER GLI STATI UNITI:     https://www.esta-usa-visto.it     PER CHI PRETENDE UN SERVIZIO CON SUPPORTO IN ITALIANO

     

    LINK

    SCONTI &
    Convenzioni

      SCONTO 10%
    TravelParking
    MALPENSA
      SCONTO 10%
    TravelParking
    ORIO (BG)
      FiveSenses
    ANTIGUA
    Caraibi
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE


    Grazie Grazie:  0
    Mi Piace Mi Piace:  0
    1. #1
      L'avatar di paola
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      staff
      Post
      4,092

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito LA MAREMMA ... una vera scoperta

      Eccomi qua, mi sono decisa a scrivere il diario di questo breve viaggio in Maremma.

      1° MAGGIO 2008

      Si parte alle 10.30, la persona che mi accompagna in questo viaggio viene da Napoli, quindi alle ore 10.30 si parte dall’uscita dell’autostrada Roma/Napoli più vicina a me.
      Proviamo a fare il percorso consigliato da Via Michelin cioè l’Aurelia e cerchiamo di raggiungerla ma neanche a dirlo … “il grande raccordo anulare che circonda la capitale.. e nelle soste faremo l’amore … altro che amore …. Il raccordo è bloccato ! Dopo una mezz’oretta di fila sentiamo alla radio gli aggiornamenti sul traffico … ci sono circa 7 Km di coda indovinate dove … proprio all’imbocco dell’Aurelia .
      Prendiamo una decisione drastica. Proviamo a fare il percorso che “IO” dall’inizio avevo suggerito pensando che potesse essere più scorrevole anche se più lungo.
      Torniamo indietro riprendendo la A1 direzione Napoli e poi la Bretella e riprendiamo la A1 verso nord, uscita Orte e poi da lì verso il lago di Bolsena, lo costeggiamo e poi direzione Montemerano.
      E’ vero è più lungo però … niente traffico !!!
      Arriviamo intorno alle 14.00 alla Locanda Laudomia in località Poderi di Montemerano.
      A questo punto è necessaria una premessa.
      La locanda è stata trovata e scelta in seguito ad una ricerca accurata su internet, tra le varie possibilità era una via di mezzo tra quelle più economiche e quelle di gran lusso.
      Il sito internet non è curatissimo, è … molto alla mano ma rispecchia l’aria che poi si respira nella locanda e con il suo proprietario … un tipo “particolare” … da conoscere.
      Comunque la premessa è questa: avevo richiesto informazioni via mail ed il proprietario mi aveva risposto che il we del 1° maggio aveva disponibilità ed il costo per una stanza doppia in mezza pensione era di 65,00 euro. La prenotazione però l’ho fatta telefonicamente i primi di aprile. Dopo vari tentativi finalmente mi risponde al telefono una signora che, capisco dalla voce non è più giovanissima. La signora mi conferma la disponibilità ed il costo, prende i miei dati compreso il mio numero di cellulare, e mi dice che non serve alcuna caparra.
      Dopo circa mezz’ora ricevo una telefonata di un certo Gianluca della Locanda Laudomia che mi dice che si è trovato delle chiamate dal mio numero e io gli spiego che avevo appena parlato con una signora e avevo prenotato per il we del 1° maggio.
      A questo punto siamo tranquilli … il 30 aprile … così per scrupolo, ma anche per avere indicazioni su come raggiungere la locanda, telefono e spiego al Sig. Gianluca chi sono e che sarò sua ospite per i prossimi 4 giorni ma il Sig. Gianluca … cade dalle nuvole. Il mio nome non risulta da nessuna parte, non risulta la mia prenotazione e lui “HA LA LOCANDA PIENA” … aaiiutooooo !!!!
      Io sono preoccupata, disperata, arrabbiata e Gianluca deve aver percepito il tutto dal mio tono … alla fine mi dice: ti richiamo tra 10 minuti. Quando mi richiama mi propone una stanza non nella sua locanda ma in un altro edificio vicino, con bagno in comune con un’altra stanza … noi gli diciamo che non se ne parla proprio… mi dice di nuovo … ti richiamo.
      Ormai siamo rassegnati a dover ricominciare con le telefonate a tutti gli Hotel, agriturismi e compagnia che avevamo già chiamato, nella speranza di trovare un posto.
      Gianluca mi richiama e mi dice: tranquilla ho risolto tutto, ti do un appartamento con stanza, cucina, bagno, completamente ristrutturato, a due passi dalla mia locanda ed alle stesse condizioni della prima prenotazione … Ora sono più tranquilla .
      Poi mi dice che l’indomani lì in paese c’è una festa che va avanti tutta la giornata, sotto una grande quercia con musica, balli, vino, cibo … portato dai partecipanti e mi/ci invita ad andare.
      Ok … premessa finita torniamo al viaggio.
      Arriviamo alla locanda alle 14.00 stanchi e affamati e … la locanda è CHIUSA … NON C’E’ NESSUNO.
      Gianluca questa mattina avrebbe dovuto chiamarmi per darmi il suo cellulare per rintracciarlo alla grande festa sotto la quercia ma non lo ha fatto!!!
      Sembra un incubo … ma non ne va bene una ?!?!?!?
      Alla fine ci accorgiamo che sulla porta della locanda c’è un biglietto con un numero di cellulare, provo a chiamarlo e poi a chiamarlo e poi chiamo di nuovo … non è possibile non risponde nessuno.
      Ad un certo punto dall’altra parte della strada ci viene incontro, facendoci dei segni, una signora di una certa età … evidentemente la signora che aveva preso la mia prenotazione al telefono … ma la signora … non sa nulla. … Andiamo sempre meglio!!!!
      Alla fine Gianluca risponde e mi da un altro numero di cellulare e mi dice di chiamare Caterina, la padrona della casa dove dovremo alloggiare.
      Finalmente arriviamo in questa casa , è a due passi dalla locanda, è praticamente un villino, piccolo, ristrutturato di recente, graziosissimo, con posto auto e giardinetto sul retro. Caterina è una signora di colore sposata con un toscano … è gentilissima.
      Ci fermiamo il tempo di lasciare le valige, riprendiamo la macchina … la prima tappa è Montemerano.


      Parcheggiamo … prima di tutto “CIBO” ci fermiamo in un bar per un panino e dell’acqua. Poi ci godiamo la pace e la poesia di questo paesino.
      Ci perdiamo senza nessuna fretta nei vicoletti e ci godiamo la tranquillità e il silenzio.
      Da Montemerano ci spostiamo a Manciano.


      Manciano non ci fa un’impressione troppo buona ci aspettavamo un altro borghetto piccolo tranquillo e grazioso come Montemerano, invece è un paese decisamente più grande, con più negozi, bar, hotel ecc..
      Facciamo una passeggiata nel centro storico che è grazioso, fino in cima alla Rocca Aldobrandesca sede del comune e ci godiamo la vista sulla Maremma da lì.
      Riprendiamo la macchina per tornare alla nostra casetta, ma prima di uscire dal paese decidiamo di fermarci in un bar che ha una terrazza che affaccia sulla campagna e quindi ci fermiamo per un po’.
      Prima di rientrare a casa proviamo a ripassare alla locanda nella speranza di incontrare Gianluca per chiarire la situazione ed accertarci che sia tutto a posto.
      … Gianluca è ancora alla festa … c’è sua madre, alla quale spieghiamo la situazione e alla quale chiediamo, visto che noi dovremmo avere la mezza pensione, come funziona.
      La locanda ha una convenzione con il Ristorante Laudomia che si trova dall’altra parte della strada.
      La signora telefona al ristorante che per fortuna è stato avvisato che, almeno questa sera siamo a cena lì. La mamma di Gianluca, intanto ci offre due abbondanti bicchieri di buon vino come aperitivo, e ci dice che il figlio la sera sarà sicuramente alla locanda perché gioca la Fiorentina ma ci sconsiglia… e con lei anche altri ospiti della locanda, che evidentemente lo conoscono bene, di parlargli quella sera … perché sarà .. come dire … frastornato dopo la festa sotto la quercia e poi c’è la grande incognita … “RISULTATO DELLA PARTITA”… e se malauguratamente la Fiorentina dovesse perdere … .
      Ceniamo al Ristorante Laudomia …. Ragazzi … si mangia da Dio . Il locale non è molto grande, sono in tutto 3 salette, una al piano terra e due al piano superiore, gestione praticamente familiare il papà è il cuoco, il figlio e la figlia servono ai tavoli con l’aiuto di un paio di altri ragazzi.
      L’ambiente è tranquillo, raccolto … davvero lo consiglio se capitate da quelle parti ricordatevi il Ristorante Laudomia in località Poderi di Montemerano.
      Dopo cena riproviamo, nonostante quello che ci era stato consigliato, a cercare Gianluca.
      Naturalmente c’è ed è impegnato con la Fiorentina. Aspettiamo la fine del primo tempo, proviamo a disturbarlo. Come ci era stato detto era un po’ frastornato. Gli spiego chi sono e ci dice che in quel momento ha cose più importanti a cui pensare e per la colazione ci dice che l’orario è dalle 7.00 alle 8.00 … accidenti … ci tocca la levataccia!

      02 MAGGIO 2008

      La mattina dopo proviamo a mettere la sveglia alle 7.00 ma quando suona … non se ne parla proprio … anche perché io non ho praticamente chiuso occhio tutta la notte .
      Ci svegliamo alle 9.00 e, convinti che ormai alla locanda non è più possibile fare colazione, ci arrangiamo in casa. Facciamo il caffè e assaggiamo una delle due torte che Caterina, la padrona di casa, ci ha fatto trovare nella dispensa.
      Dopo colazione riproviamo di nuovo a parlare con Gianluca … siamo de teck !!! Quando ci vede ci saluta cordialmente e quando gli diciamo che abbiamo fatto colazione in casa perché pensavamo fosse tardi ci rimane malissimo … stava CAZZEGGIANDO … ieri sera … . Ah questi toscani!!
      Insiste per offrirci due bicchieri di vino e noi per non offendere ….
      IL programma di oggi era di visitare Pitigliano, Sovana e Sorano e poi le terme di Saturnia, ma si è fatto tardi e nel timore di non riuscire a fare tutto decidiamo di andare oggi verso il mare.
      Ci dirigiamo quindi a Talamone. La strada per arrivare è molto bella, queste stradine tortuose che tagliano la campagna e il verde!





      Talamone è graziosissima, c’è il porto … a me i porti piacciono molto… non so perché starei ore così a guardare le barche ormeggiate e a fantasticare sul mare aperto, il sole, il vento…



      Il paese si sviluppa su un promontorio a picco sul mare e dalla cima del promontorio ci si affaccia sui due fronti, uno ventoso e l’altro calmo.




      Il mare è di un blu intenso, c’è un bellissimo sole e noi ci godiamo tutto … mare, sole, cielo fino alle 14.00, poi andiamo a cercare un ristorante.
      Si è fatto tardi quindi rischiamo che non ci facciano mangiare.
      Decidiamo per un ristorante che si trova su una piazzetta, ma non ricordo il nome, comunque per due piatti di pasta spendiamo come in gioielleria. Dopo pranzo scendiamo sugli scogli, riusciamo a trovare un pezzetto di spiaggia con la sabbia, stendiamo i teli e ci sdraiamo a prendere il sole. Dopo un’oretta inizia a fare freddo quindi decidiamo di andare all’Argentario.
      Prima Porto Ercole e la parte vecchia con i suoi vicoletti è bellissima, ci sono degli scorci sul porto molto suggestivi.



      Poi Porto Santo Stefano, che io conosco già … ci sono stata anni fa. Qui ci fermiamo in un bar a prendere qualcosa e a guardare le barche e il mare ed il sole che tramonta.



      Si sta facendo un po’ tardi quindi torniamo a casa e di nuovo si cena al Ristorante Laudomia.

      03 MAGGIO 2008

      Questa mattina la colazione si fa alla locanda ed è davvero piacevole. La sala della colazione è molto accogliente, è divisa in due ambienti, in uno c’è il bancone bar, ci sono piccoli tavolinetti rotondi sui quali ci sono piattini con dei dolcetti, poi Gianluca e la sua aiutante ti portano: il tè, il caffè, il latte … secondo i gusti, il pane, i dolci fatti in casa. Ci sono due porte finestra che si affacciano su un piccolo giardino, nella sala entra un bel sole e c’è una bella luce calda … ti senti a casa … ecco questa è una immagine e una sensazione che ho catturato come un fotogramma e che voglio conservare di questo viaggio .
      Prendiamo la macchina dopo aver chiesto consiglio a Gianluca, e iniziamo il nostro giro.
      Prima Pitigliano, quando si arriva davanti al paese e ci si trova davanti a questa rupe di tufo sulla quale è arroccato il paese si resta sbalorditi. Il paese è decisamente caotico, c’è un sacco di gente e traffico, parcheggiamo e ci facciamo un bel pezzo di strada a piedi per arrivare al centro.
      Entriamo nel centro storico e passeggiamo per i soliti vicoletti e ci affacciamo da più punti sulla rupe tufacea, anche dalle arcate dell’acquedotto Mediceo.




      Andiamo a visitare la Sinagoga. Pitigliano è chiamata la Piccola Gerusalemme perché qui si sono rifugiati molti ebrei nel 1.500 in seguito alle restrizioni decise dalle Bolle Papali e dal Granduca di Toscana.
      Pur essendo sabato la Sinagoga è aperta e l’ingresso è gratuito per oggi. Dalla Sinagoga si visitano anche la Macelleria Kasher, il Forno delle Azzime e la cantina.
      Dopo una passeggiata riprendiamo la macchina e arriviamo a Sovana.
      Sovana è un’altra piccola perla. Pranziamo qui … ma ahimè non ricordo il nome del ristorante comunque è molto bello, raffinato, cucina ottima. Noi abbiamo pranzato nella terrazza sul retro del ristorante piccola e graziosa.
      Il ristorante si trova proprio all’inizio del paese ed è anche Hotel … non dovrebbe essere difficile, per chi volesse trovarlo.



      Dopo pranzo l’idea è di andare a rilassarsi alle terme di Saturnia.
      La strada per arrivare è bellissima come tutte le altre che ho descritto, quindi non mi ripeto. Quanto al rilassarsi alle terme … questa è un’utopia …
      Arriviamo davanti al cancello delle terme, quelle a pagamento per capirsi, del Resort … con la macchina non si entra, è tutto pieno … va bene, proviamo a cercare parcheggio fuori … IMPOSSIBILE!
      Ci sono macchine e macchine e macchine che stanno parcheggiando ovunque sulla strada e ci sono vigili e vigili e vigili che stanno facendo multe come cecchini … RINUNCIAMO.
      Proviamo ad andare a visitare il paese di Saturnia … lasciate perdere non è un granchè.
      Decidiamo di ripercorrere la strada a ritroso e fermarci vicino Sovana per andare a visitare la Necropoli e le vie cave.






      Per la Necropoli … non esprimo giudizi, probabilmente non ero preparata abbastanza per capire. Percorrere le vie cave, antiche strade Etrusche ricavate da tagli nel tufo profondi e stretti, è molto suggestivo.
      Si fa un’ultima tappa a Sorano, anche questo un piccolo borgo arroccato sul tufo, è grazioso.
      Dopo una passeggiata e sosta in un bar, torniamo a casa.




      Si cena nel nostro ristorante di fiducia e poi a nanna.

      04 MAGGIO 2008

      Colazione alla locanda, paghiamo il nostro soggiorno e salutiamo Gianluca. Le stanze della locanda non le ho viste e quindi non posso giudicare o consigliarle però, per quello che ho frequentato la Locanda Laudomia ed il suo proprietario … si respira aria buona, semplice e familiare, se dovessi tornare da quelle parti tornerei lì .
      L’idea per oggi è di fare una breve tappa a Pitigliano per acquistare alcune specialità e poi tornare verso il lago di Bolsena e fermarci a Civita di Bagnoregio.
      I piani saltano … non appena ripartiti da Pitigliano si accende una spia di allarme della macchina.
      Dopo alcune telefonate all’assistenza cerchiamo di valutare cosa fare. Leggiamo attentamente il manuale che consiglia di portare la macchina all’assistenza “quanto prima” … non dice di fermarsi immediatamente.
      A questo punto decidiamo di non fare altre tappe, ci rimettiamo in marcia verso casa per evitare di rimanere in mezzo al traffico del rientro con la macchina in quelle condizioni, anche perché la macchina deve tornare a Napoli.
      Io adoro la Toscana ma pur essendo tanto vicina a Roma, non ero mai stata in Maremma.
      E’ stata una bellissima scoperta. Il cielo azzurro, il verde della campagna, la tranquillità di quelle stradine tortuose che ti riservano una sorpresa dietro ogni curva, la familiarità e la semplicità della colazione alla Locanda … queste le cose che terrò nel cuore.
      Si torna a casa … la vacanza è finita ma come sempre IL VIAGGIO continua nei ricordi.
      BUON VIAGGIO A TUTTI

      P.S. Nota tecnica per chi fosse interessato, il villino dove abbiamo alloggiato noi “per sbaglio” in realtà viene normalmente affittato ai turisti, non so dare indicazioni sul costo visto che la nostra situazione era particolare.
      Last Trip: Olanda
      Il viaggio più coraggioso ... è sempre l'incontro!

      Paola




    2. #2
      L'avatar di acerorosso
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      staff
      Post
      9,353

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito Re: LA MAREMMA ... una vera scoperta



      ATTENZIONE
      ----------------------

      Ci sono 3 risposte da leggere.

      Registrati oppure effettua la Login per leggere tutto - E' gratis, scegli come fare qui sotto !


      REGISTRATI:



      HAI GIA' UN ACCOUNT ?



      Moira, Giovanni e Akim
      [B]www.fotoinviaggio.it
      2018 Legoland, Austria e poi .....2017 Valencia, Stati Uniti e Valle d'Aosta 2016 Bologna, Marche, Lazio, Umbria, Toscana ed Emilia, Trento 2015 Londra Thailandia Val Gardena Livigno



      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    Tag per Questa Discussione

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  
    Privacy

    ForumViaggiatori.com
    di Claudio Bonà
    Partita IVA: 06207570968

    Seguici su: