Nome utente o mail:

Hai già un account ?


Dimenticato password ?
clicca QUI
  • ACCEDI a FV    o     REGISTRATI

    Your SEO optimized title
    Coperto il 0% delle SPESE mensili SERVER275
     
    -
     

     

    CERCASI  volontari per:   Web Marketing  -  Social Network  -  Html e Seo  -  Moderatori Staff

     
    NOVITA'   ... La CHAT di FV ...  provala per darci il tuo parere !  ...  [clicca in basso a destra]


    Discussione: [OMAN] Free camping

    1. #1
      L'avatar di Mononeurone

      Esperto Fotografico

      Registrato
      02-03-09
      Località
      Bergamo
      Sesso
      Uomo
      Età
      50
      Paesi Visitati
      MAPPA
      Post
      2,356
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito [OMAN] Free camping

      Here you are pals

      OMAN 2008/2009

      L’Oman è un bel paese, facile da girare, sicuro, con sorprendenti infrastrutture e servizi e merita assolutamente di essere visitato. Per noi è stato un paradiso per il camping libero.
      Il campeggio è a mio giudizio la scelta migliore, il paese è tranquillo con tasso di criminalità pari allo zero, si acquista di tutto con facilità, la gente è gentile, e curiosa. Gli alberghi sono carissimi, non c’è una scelta economica, il livello è sicuramente alto ma sono un vero salasso, mentre benzina e costo della vita sono decisamente a buon mercato. Lo spazio non manca
      Nonostante la Klm ci abbia un po’ rovinato i piani restituendoci i bagagli 3 giorni dopo l’arrivo abbiamo girato l’Oman centrale abbastanza bene e qui diamo qualche suggerimento e impressione sulle località.
      Il visto non da problemi, le formalità vengono espletate con rapidità ed efficienza.
      Noleggio 4wd europecar, 2700 benzina; il costo del carburante è di €. 0,25 al litro. Prepagato direttamente europecar italia costa meno.

      MUSCAT

      La capitale è una città carina, non indimenticabile, sicuramente da non spenderci i tre giorni che suggerisce l’edt. Il souk di Mutrah è per turisti ma si compra un eccezionale incenso, spezie ed altri souvenir simpatici. E’ la parte più viva della città, con localini e caffè, si possono acquistare attrezzature sportine e da campeggio tipo fornelli, sacchi a pelo e bombole camping gas vicino alla rotonda a ridosso del porto. Lungo la highway ci sono centri commerciali dove si trova di tutto e di più. Un giro nella parte vecchia e sulla corniche e Muscat è tutta qua.
      Pernottamento (forzato) al Muscat Holiday, bello ma che botta! Credo ci sia carino il Marina, ottima posizione al porto. Il M H ha un ufficio europecar, comodo per noi arrivati di notte.

      SEEB

      L’edt consiglia una visita. Noi ci siamo andati perché bloccati a Muscat, continuiamo a chiederci perché andare.

      NIZWA

      E’ carina ma non molto caratteristica. La fortezza merita una sicuramente una visita sia per l’architettura sia per l’esempio di opera difensiva ben restaurata e conservata.. Merlature ed interni sono decisamente piacevoli ed interessanti. Il souk alla nostra visita era chiuso, venerdì di preghiera. Che ci vuoi fare.

      BAHLA e JABRIN

      Il primo alla vista dalla strada offre un bel colpo d’occhio peccato sia chiuso per restauri fino a non si sa quando. Il secondo è decisamente interessante per l’architettura particolare e la posizione solitaria nella pianura.

      WADY GHUL

      Dopo il giro dei forti ci siamo diretti al Gran Canyon Omanita. Più bella la strada a salire che il canyon stesso che in effetti si vede anche poco. Possibilità di trek fra rocce varie, circa 3000 mt e temperatura rigida. Noi senza bagagli pernottiamo al Wadi Ghul resort, sorta di camping con bungalow e tende stile beduino dove dormiamo, circa 70 euro in due con ottima cena. Ci freghiamo due coperte in più da tenda vuota. A me ha detto poco.

      AL HAMRA

      Cittadina in stile yemenita, molto caratteristica. Bello girare nel palmeto e fra le case dai bei portali. Interessante la parte antica anche se in pessimo stato di conservazione.

      MISFAT

      Altro villaggio molto caratteristico in splendida posizione fra monti aridi. Punto di partenza per trek e passeggiate. Bellissima oasi dove si possono ammirare i tradizionali sistemi d’irrigazione. Noi abbiamo camminato lungo il wadi fino a che il caldo ci ha stroncati. Da visitare

      PISTA DI MONTAGNA

      Nel ritorno a Muscat abbiamo seguito questo consiglio dell’edt ed abbiamo fatto bene. Non date rettaalle note terroristiche dell’edt. Con un fuoristrada la si percorre agevolmente a velocità ridotte. Le salite e discese sono notevoli ma non certo proibitive. La strada sale e scende praticamente sulla parete del wadi con bei scorci e passa per il villaggio di Bilat Sait anch’esso in stupenda posizione e decisamente caratteristico. Non l’abbiamo visitato causa l’ora tarda, ma merita anche solo la sosta per una foto. Tempo di percorrenza un paio d’ore con molta calma. 50 minuti secondo i tassisti locali, 5 ore secondo l’edt.

      Riprendiamo i bagagli finalmente arrivati da Amsterdam e possiamo riprendere il giro originario ma al contrario.

      Ci dirigiamo ad AL SEIFA
      E nel tragitto ci fermiamo ai Khor, specie di lagune salate che seguono le maree, le vediamo vuote e piene e colpiscono in ambedue i casi. Alla mattina i riflessi delle rocce arancione nell’acqua sono veramente belli e molto fotografici. Al Seifa è un villaggio di pescatori con un enorme spiaggione sull’oceano privo di qualsiasi struttura. Bellissimo posto da campeggiare, ci sono altri turisti accampati. L’oceano non è particolarmente limpido a causa del fondo sabbioso ma l’acqua è strapulita. Nel villaggio ci si può rifornire tranquillamente. Occhio alla marea, assicurarsi fino a dove arriva il mare prima di piantare la tenda.

      Ci allontaniamo dalla costa e saliamo a MAZARA’ altro villaggio consigliato dalla guida con oasi e forte. Non è particolarmente interessante a mio giudizio ma qui incontriamo un bel gruppo di omaniti e passiamo un paio d’ore a fare amicizia e mangiare datteri.

      Continuiamo lungo la litoranea e ci fermiamo a QURAYAT con le sue torri sul mare. E’ carina anche se non indimenticabile. Ci intrufoliamo però nelle piccole e un po’ più trasandate viuzze dietro la moschea. La gente ci saluta, ci invita in casa, i bambini fanno casino, ci riempiono di dolcetti. Consiglio, entrate e fatevi un giro, qualcosa succede. E’ la parte migliore.

      Abbandoniamo l’autostrada per seguire la vecchia costiera, secondo consiglio edt verso TIWI. Non vale la pena, i lavori del completamento dell’autostrada hanno incasinato tutto, il paesaggio non ha nulla da giustificare la deviazione, ci perdiamo pure al buio e campeggiamo sui sassi. Prima di Tiwi c’è un tratto di spiaggia sabbiosa ottima per il campeggio, i campeggiatori sono però tutti lì.




      WADI TIWI

      Acque verdi, rocce bianche, oasi. Bello, è l’unico wadi dove si può salire un po’ in macchina e c’è più vita, un villaggio con torre diroccata, palmeti e coltivazioni. Un abitante ci fa capire che nel wadi c’è un laghetto, noi ci sfianchiamo fra le rocce sotto il sole di mezziogiorno ma non lo troviamo. Ci abbronziamo però. Probabilmente abbiamo capito male. I bagni si faranno agli altri wadi.



      WADI SHAB

      Fantastico. Si cammina mezz’ora e si arriva in una specie di paradiso di rocce ed acque verdi tanto che torno all’auto, lascio l’attrezzatura fotografica e mi tuffo. Seguendo il wadi nell’acqua si arriva fra passaggi stretti nella roccia ad una grotta sotterranea con tanto di cascata. Uno sballo.

      SUR
      Arriviamo a Sur, città piacevole in bella posizione con quartieri di belle case dai portali di legno di pregevolissima fattura. Merita una sosta se non altro per uno spuntino. Il cantiere dei Dhow è una sola. Ma la città è viva anche se eravamo sempre fuori tempo per il souk.


      Seguiamo ancora il mare in un tratto di costa un po’ più bello ed arriviamo a RAS AL JINZ.
      Da sola vale il viaggio se vi piace la natura. Luogo di riproduzione delle tartarughe. Nei dintorni non c’è un buco dove piazzare la tenda, abbiamo girato tutto, solo sassi aguzzi, un paio di km fuori dal visitor centre c’è un campeggio. Non è particolarmente attraente, ma il titolare è gentile, si può cenare, dispone di bungalow. Caro naturalmente. La visita va prenotata al più presto. Ci sono due turni, mezzanotte e le quattro della mattina. Prendete il secondo dà la possibilità di seguire le tartarughe anche con la luce dell’alba e fare qualche foto. La visita è guidata con regole rigide, si segue lo scavo, la deposizione delle uova, il riempimento e la “corsa” verso il mare. Noi abbiamo visto anche i piccoli, una specie di superquark dal vivo se piacciono queste cose.


      RAS AL RUWAYS

      Seguiamo la strada che diventa sempre più desertica e malconcia fino a che non finisce proprio e si infila nelle dune fronte mare. Ci insabbiamo, due stradini ci sgonfiano le gomme e con l’adrenalina a mille superiamo un dunone in costa derapando a manetta. L’insabbiamento qui è d’obbligo, non preoccupatevi qualche anima gentile c’è sempre a dare una mano, la strada è battuta da turisti e locali abituati a disinsabbiare incauti autisti. La sommità delle dune si chiama Ras al Ruways ed è un posto veramente bello, le dune ocra finiscono sulla scogliera in riva al mare. I turisti passano fanno la foto e vanno, noi campeggiamo in solitaria. Alla mattina la nebbia rende il posto ancora più magico. Si può scendere in varie calette, se si vuole fare il bagno. Nel mare vediamo saltare i delfini.

      Non abbiamo tempo di andare fino a Salalah seguiamo quindi la costa fra villaggi beduini, molto diversi dal leccatino omanita e ci facciamo una lunga tappa di trasferimento verso nord. Secondo me meritava una visita l’isola di Masirah, pazienza.
      Arriviamo ad al Minitraib

      WAHABI SANDS
      Qui dopo rifornimento ci addentriamo fra le sabbie. Le Wahabi sono linee di alte dune parallele con colori dall’ocra intenso al quasi bianco, punteggiate di piccoli ricoveri beduini, cammelli e rare acacie. Noi seguiamo i cartelli indicatori dei camping, teniamo la pista al centro della valle di dune e non abbiamo il men che minimo problema d’orientamento o di insabbiamento, attraversiamo anche un cordone di dune sempre senza problemi. I camping, alberghi ecc. organizzano giri nel deserto, il clou è fare i pirla sul fuoristrada su e giù per i dunoni, ho visto dei quad fermi presumo che si possano noleggiare. Per me è molto più bello rinunciare alla scalata delle dune con l’autista e fermarsi a dormire fra le sabbie. Usando un minimo di buon senso e prudenza nella guida è un percorso senza particolari difficoltà. Noi abbiamo passato due notti fuori dal mondo. La prima sotto una grande duna arancione rivolti ad ovest, dall’alto delle dune il tramonto è fenomenale, la seconda in una piana sotto le acacie verso est con passeggiata mattutina all’alba. Ingaggiando una guida si può attraversare tutto il deserto uscendo al mare, dalla parte dove siamo venuti noi, assicuro che vale la pena anche entrare ed uscire da Minitrib spingendosi una cinquantina di km all’interno. Più che dune non ci sono anche se fra le più belle che ho visto. Noi fra passeggiate, pic nic, caffè con i beduini, guida sulla sabbia, ci siamo stati un giorno e mezzo e due fantastiche notti, ce lo siamo goduto alla grande ma basta e avanza. Imperdibile.

      Da Minitrib ci dirigiamo al WADI BANI KALID, non preso in considerazione all’inizio ma ormai ci abbiamo preso gusto. Ottima scelta, è il più bello. Pareti ocra, acque verdi calde, rocce bianche. Si cammina 5 minuti dal parking e si arriva in un piccolo palmeto “area pic nic” attrezzato pure di altalena, davanti ad un laghetto. Dopo il laghetto il torrente scorre in un piccolo canion di rocce bianche, pozze, cascatelle. Si sguazza fra le rocce fra colori incredibili, soprattutto al pomeriggio. Il sentiero a lato arriva fino ad una grotta dove il fiume scorre sottoterra, eventualmente per chi vuole continua in un percorso trek di più giorni. Ci fermiamo a campeggiare nell’area sotto le palme. Tenda ed attrezzi ce li portano i ragazzini del luogo con le carriole. Dal tramonto in poi anche qui siamo soli, se si eccettuano le rane e i gatti attirati dal pollo allo spiedo. Il giorno dopo ci si rituffa e poi si parte per Muscat e l’Italia. I gruppi di turisti che abbiamo visto passare arrivano, fanno il pic nic due foto e vanno di corsa, il posto merita di più.


      L’Oman non è selvaggio o caratteristico come lo Yemen, ma è un bel paese che offre scorci fantastici e non facili da vedere altrove come gli Wadi. Nonostante la gente vesta tradizionale il tutto risulta un po’ troppo leccatino per i miei gusti. La comodità e la facilità nel visitarlo oltre che la possibilità di piazzarsi un po’ dove si vuole lo rendono sicuramente un’ottima meta, soprattutto se non si ha molta esperienza con il mondo mediorientale ed arabo in genere. Si possono vedere delle foto all’indirizzo: http://s20.photobucket.com/albums/b246/ ... rone/Oman/ .
      STOP ISRAEL KILLERS - FREE PALESTINE!





    2. #2
      L'avatar di sunflower

      staff

      Registrato
      16-10-07
      Località
      Modena
      Sesso
      Donna
      Post
      2,907
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      Davvero interessante, mi hai fatto venire voglia di partire subito...
      Complimenti!
      Sabrina




    3. #3
      L'avatar di Mononeurone

      Esperto Fotografico

      Registrato
      02-03-09
      Località
      Bergamo
      Sesso
      Uomo
      Età
      50
      Paesi Visitati
      MAPPA
      Post
      2,356
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      Non dirlo a me........
      STOP ISRAEL KILLERS - FREE PALESTINE!





    4. #4
      L'avatar di Only

      staff

      Registrato
      14-07-06
      Località
      Brescia
      Sesso
      Donna
      Età
      38
      Post
      7,985
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      grazie del racconto.mi sono divertita!!!
      Marzia
      Co-Admin-coordinamento interno FV

      Last trips 2013.....Maldive e Seychelles....Next trips 2014...Sicilia, Norvegia, Eurodisney (e uno caccia-sfiga..)



    5. #5
      L'avatar di Mononeurone

      Esperto Fotografico

      Registrato
      02-03-09
      Località
      Bergamo
      Sesso
      Uomo
      Età
      50
      Paesi Visitati
      MAPPA
      Post
      2,356
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      Citazione   Originariamente scritto da Only  
      grazie del racconto.mi sono divertita!!!
      Ed ho omesso la parte in cui ci siamo persi a lato dell'autostrada e quasi finiamo giù dalla scogliera.....
      STOP ISRAEL KILLERS - FREE PALESTINE!





    6. #6
      L'avatar di Seshe



      Registrato
      06-02-06
      Località
      Torino
      Sesso
      Donna
      Età
      31
      Paesi Visitati
      MAPPA
      Post
      518
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      Complimenti: hai scattato fotografie splendide! Belle inquadrature, bei colori e belle luci!

      L'Oman è una destinazione che mi attira moltissimo, proprio per la possibilità di entrare in contatto con la cultura mediorientale e di scorazzare tra le dune di uno dei deserti più affascinanti del mondo. Le tue immagini sono molto emozionanti, in particolare i ritratti dei beduini e alcuni scorci catturati nelle cittadine, e hanno aumentato la mia voglia di partire. Hai usato una reflex?

      Per quanto riguarda il viaggio: quanto vi è costato il noleggio del 4x4? Era la prima volta che guidavi su sabbia? E il volo?
      Chiara
      ------------------------------------------
      AFRICA: Home Sweet Home
      ------------------------------------------



    7. #7
      L'avatar di Mononeurone

      Esperto Fotografico

      Registrato
      02-03-09
      Località
      Bergamo
      Sesso
      Uomo
      Età
      50
      Paesi Visitati
      MAPPA
      Post
      2,356
      Post "Thanks or Like"

      Predefinito Re: OMAN free camping

      Citazione   Originariamente scritto da Seshe  
      Complimenti: hai scattato fotografie splendide! Belle inquadrature, bei colori e belle luci!

      L'Oman è una destinazione che mi attira moltissimo, proprio per la possibilità di entrare in contatto con la cultura mediorientale e di scorazzare tra le dune di uno dei deserti più affascinanti del mondo. Le tue immagini sono molto emozionanti, in particolare i ritratti dei beduini e alcuni scorci catturati nelle cittadine, e hanno aumentato la mia voglia di partire. Hai usato una reflex?

      Per quanto riguarda il viaggio: quanto vi è costato il noleggio del 4x4? Era la prima volta che guidavi su sabbia? E il volo?
      Il nolo del 4x4...2800 benzina...ma la benza costa una stupidata mi sembra un circa 60€ al giorno full insurance con europecar. Costa meno il prepagato dall'italia che prenotare là via mail.
      Si, ho guidato in fuoristrada già diverse volte ma mi insabbio sempre subito...poi mi riprendo....dipende anche dall'auto. Il volo non ricordo, mi sembra sui 600 euro con klm via kuwait city.
      STOP ISRAEL KILLERS - FREE PALESTINE!





    Tag per Questa Discussione

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  
    Privacy

    ForumViaggiatori.com
    di Claudio Bonà
    Partita IVA: 06207570968

    Seguici su:
    T
    o
    p