Nome utente o mail:

Hai giÓ un account ?


Dimenticato password ?
clicca QUI
  • ACCEDI a FV    o     REGISTRATI

    ForumViaggiatori

    NOVITA' Assicurazione Viaggio AXA ASSISTANCE - SCONTO 10% solo per gli utenti FV - Codice Promo = FV10

     

    Che Tempo fa ?   dove andare nel mese di ...

     

    Coperto il 18% delle SPESE mensili SERVER275
     
    -
     

    Generico

      Italia   Europa   Nord
    America
      Centro
    America
      Sud America
    Antartide
      Asia   Africa   Oceania  

    VISTO ESTA PER GLI STATI UNITI:     https://www.esta-usa-visto.it     PER CHI PRETENDE UN SERVIZIO CON SUPPORTO IN ITALIANO

     

    LINK

    SCONTI &
    Convenzioni

      SCONTO 10%
    TravelParking
    MALPENSA
      SCONTO 10%
    TravelParking
    ORIO (BG)
      FiveSenses
    ANTIGUA
    Caraibi
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE


    Grazie Grazie:  12
    Mi Piace Mi Piace:  74
    + Login o Registrati per inviare un messaggio
    Pagina 5 di 5 PrimaPrima 12345
    Risultati da 61 a 69 di 69
    1. #61
      L'avatar di mouette
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      staff
      Post
      3,341

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Assolutamente no! Arrivi, parcheggi, fai fuori tre o quattro francesi e hai diritto a un a/r gratis

      Scherzi a parte, Ŕ un tragitto di pochi minuti, le navette sono gratis e ovviamente la mancetta Ŕ sempre gradita :)

      Inviato da Hogwarts
      Barbara
      Non si diventa marinai restando in porto a sognare gli oceani
      Namibia maggio 2018 - UK agosto 2018 - Giappone gennaio 2019




    2. #62
      L'avatar di Bibispoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      882


      Predefinito

      Giuro che ho letto ovunque delle navette a pagamento!
      Ora vediamo come sarÓ la situazione, il marito Ŕ abbastanza pratico ma lo voglio vedere sul campo!
      Per far fuori francesi sono la persona pi¨ adatta Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...

      Non ho ancora deciso se la prima mattina andare diretta a Deadvlei e poi fare il resto al ritorno e la mattina dopo partire con calma, oppure fare unĺalba a Deadvlei e una alla duna 45.. sempre che sopravviva al campeggio!


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    3. #63
      L'avatar di Raccoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      322


      Predefinito

      Forse quelle dei resort, quella dal parcheggio con i fuoristrada della NWR sono gratis.

      Inviato dal Millennium Falcon

    4. #64
      L'avatar di Raccoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      322


      Predefinito

      Citazione   Originariamente scritto da Bibispoon   Visualizza Messaggio

      Non ho ancora deciso se la prima mattina andare diretta a Deadvlei e poi fare il resto al ritorno e la mattina dopo partire con calma, oppure fare unĺalba a Deadvlei e una alla duna 45..
      Se dormi dentro okay, altrimenti devi pagare 2 volte l'uscita...
      Col senno di poi, mi sarei fermato alla duna 45 all'andata, il deadvlei nelle nostre condizioni di luce era perfetto.

      Inviato dal Millennium Falcon

    5. #65
      L'avatar di Bibispoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      882


      Predefinito

      Siamo al Sesriem che Ŕ tra i due cancelli del parco.. sai che non ne ho idea di quando e quanto pagher˛ lĺingresso? Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...

      Dai dai che daora in avanti mi interessa tutto ancora di pi¨! Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    6. #66
      L'avatar di mouette
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      staff
      Post
      3,341

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Mercoledý 16 maggio 2018






      Dopo le emozioni di ieri, ci aspetta una giornata tranquilla, quasi di puro trasferimento … ce la prendiamo comoda facendo colazione a un orario che ci permette di vedere cosa abbiamo nel piatto �� nonostante il buio sempiterno della sala, io faccio anche oggi razzia di quei buonissimi pasticcini di verdure al curry che dovrei proprio imparare a fare, e alla fine ci troviamo d’accordo nel promuovere il Truzzhotel, anche se non sarÓ il pi¨ memorabile del viaggio: ci siamo divertiti, tanto basta.



      La prima sosta Ŕ a Solitaire, per un rifornimento di benzina e soprattutto di torta di mele, la famosa torta pi¨ buona della Namibia: ne prendiamo due porzioni, insieme a due torte salate (la mia, al formaggio, rivelerÓ un inatteso ripieno di wurstel ... poco male, Ŕ buonissima) da mangiare strada facendo. Ci divertiamo a gironzolare in questo posto dal nome quanto mai adeguato, oltre alla Goose McGregor Bakery ci sono una pompa di benzina, uno shop, un meccanico, una specie di campeggio/motel e i bagni.












































      A sorpresa la sosta pipý termina con un incontro inaspettato: ecco i nostri tedeschi del Quiver Tree e del Fish River Canyon! Felicissimi di incontrarci, passiamo una mezz’ora a raccontarci le rispettive avventure mentre un quasi solerte meccanico si occupa di una delle gomme della loro Hylux che sembra non essere in ottima salute. Hanno la tenda montata sul tetto e ci dicono di averne fatto spesso uso per ammortizzare i costi, del resto sei settimane sono tante e passarle tutte in resort potrebbe essere poco igienico per il portafogli. Lui Ŕ felicissimo di mostrarci le foto in notturna che ha scattato secondo i consigli di Paolo, e tutto sommato devo ammettere di avere sposato un bravo insegnante ��
























































      Questo incontro ci ha fatto davvero piacere e ripartiamo un po’ pi¨ felici di prima. Dopo una lunga teoria di chilometri su una strada C(heschifo), ben sballottati e percossi, e un nuovo passaggio ai tropici, Paolo non si sente benissimo – e io mi sento in colpissima perchÚ proprio non me la sento di inforcare il volante del mostro - e ci fermiamo per una sosta tecnica. Il mio eroe si riprende velocissimo al cospetto di fagottini salati e torta di mele, ce ne dividiamo una porzione perchÚ Ŕ davvero enorme, e poi ripartiamo su uno schizofrenico alternarsi di asfalto e gravel, qualche metro ciascuno.













































      Nel primo pomeriggio, sotto una pioggerella sottile che ci accompagna da quando abbiamo raggiunto la costa, arriviamo finalmente a Swakopmund per prendere possesso del Mylas Cottage, un bellissimo ed economicissimo appartamento che – gaudium magnum! – ha una lavatrice e un’asciugatrice. Io che ero giÓ in mood “oddio non Ŕ possibile, non abbiamo quasi pi¨ niente di pulito, PUZZEREMO PER IL RESTO DEL VIAGGIO” mi rilasso ed entro agevolmente nei panni della casalinga disperata facendo partire il primo ciclo praticamente senza neanche disfare la valigia, manca poco che mi metta a cantare ma alla fine la pietÓ per Paolo prevale … eh no, ragazzi, qua le comodissime lavanderie a gettone del west non esistono, e gli hotel si fanno pagare a caro prezzo il servizio, se lo offrono.



      Lasciamo la lavatrice a girare giuoiosa e andiamo al supermercato, giuoiosi anche noi perchÚ Ŕ bello grande e ci sono mille cose da toccare, scoprire, comprare, compresi i giochini all’erba gatta per i Ciopini che non manchiamo mai di viziare. Dopo una bella doccia ce ne andiamo a cena al The Tug, ristorante sulla spiaggia ricavato in una nave arenata, decisamente pittoresco. ╚ solo un chilometro ma preferiamo prendere la macchina: come Luderitz, anche Swakopmund la sera ha un aspetto spettrale: nessuno in giro, un silenzio surreale, poche luci persino nelle case, giusto qualche auto in lontananza sul corso principale … decisamente la Namibia non Ŕ per chi ama la vita notturna!



      Ottima la cena, come sempre, Ŕ uno dei viaggi in cui abbiamo mangiato meglio tra quelli fatti insieme (Napoli non conta, gente! ma ve par? ��): antipasto di calamari grigliati e pesce San Pietro fritto, entrambi con salsa tartara in accompagnamento, e per secondo gamberoni del capitano (ottimi, ma serviti con un riso alle verdure sciapissimo che lasceremo ai posteri) e KLINGPLING grigliato – speriamo che Paolo si ricordi come si chiama sul serio �� – con patate gratinate. Cena di pesce ottima e freschissima, con vino bianco sudafricano ad accompagnare, conto finale 65 euro compresa la mancia, siamo soddisfatti.



      Sposata da undici giorni, la casalinghitudine Ŕ potente in me: tornati al cottage, garrula e giuliva carico la seconda lavatrice e faccio partire l’asciugatrice. Ma non preoccupatevi, sono giÓ guarita! :p

      Barbara
      Non si diventa marinai restando in porto a sognare gli oceani
      Namibia maggio 2018 - UK agosto 2018 - Giappone gennaio 2019




    7. #67
      L'avatar di Bibispoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      882


      Predefinito

      Io al The Tug mi sono sentita malissimo! Nonostante avessimo prenotato un mese prima quando siamo arrivati ci hanno fatto attendere al bar per poi tornare dopo mezzĺora dicendo ôŔ lĺunico tavolo che abbiamo trovatoö
      No no, proprio non ci siamo, tra lĺaltro la peggiore cena di tutto il viaggio, abbiamo mangiato in posti decisamente migliori a prezzi anche pi¨ bassi!

      Pensavo che le C fosse Ca**odistradadimerda Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      La peggiore in assoluto nel damaraland, ci abbiamo lasciato una gomma!


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    8. #68
      L'avatar di Raccoon
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Namibia On The Road: Se un elefante ti attraversa la strada...
      Post
      322


      Predefinito

      17 maggio 2018 Swakopmund - Sandwich Harbor - Swakopmund.


      Iniziamo la giornata con una bella colazione casalinga, caffŔ, latte, dolcetti presi la sera prima alla Spar.
      Il Mylas Cottage Ŕ davvero carino, un appartamento molto grande e davvero ben tenuto e meglio arredato, con tanto di lavatrice e asciugatrice!


      Stamattina abbiamo scelto di prendercela comoda, ci aspetta la gita a Sandwich Harbor e alle 8:45 abbiamo appuntamento col nostro autista che ci porterÓ all'agenzia.

      Usciamo di casa alle 8:40 e niente, i namibiani sono praticamente crucchi trapiantati a sud, il tizio della casa vicina ci guarda e ci dice "Ehi, c'Ŕ qualcuno che vi sta aspettando!".

      Eh giÓ, gli orari qui li rispettano al secondo!
      Arriviamo all'agenzia e scopriamo che proprio davanti al porticciolo, nuota un'otaria... ma sarÓ solo la prima!


      Si, Ŕ proprio un'otaria, ha le orecchie, a differenza delle foche.

      Dopo qualche minuto facciamo la conoscienza con Hermann, un omaccione grande e grosso con una chiacchiera infinita e con i nostri compagni di gita, 2 francesi che vivono in Africa ma in quanto a chiacchiera, sono complementari a Shreck!

      Ci sistemiamo sul fuoristrada, io (Paolo) mi siedo davanti, ma poi faremo i turni per goderci lo spettacolo della guida sulle dune!

      Partiamo da Walvis Bay, che scopriamo essere una cittÓ industriale con un enorme salina...


      E Herman attacca a raccontarci di tutto, lui Ŕ namibiano doc, nato quando ancora la Namibia non era uno stato indipendente, cresciuto in una hunting farm e mandato a studiare in Sudafrica, visto che il sistema scolastico locale era ancora troppo "acerbo".

      Lavora nel turismo da molto, ha girato il mondo e l'unico posto dove ha avuto paura a guidare Ŕ stato Roma... guarda un po'!

      😂


      Continuiamo un po' sulla strada asfaltata, poi...
      La strada finisce sulla battigia... e niente, la spiaggia diventa la strada!


      La spiaggia pi¨ lunga e pi¨ larga del mondo!
      Ci sono cormorani, gabbiani, lontano verso la salina vediamo migliaia di fenicotteri e una fochina...

      "Oddio, Ŕ morta!!!"


      Herman attacca a suonare il clacson, la fochina non Ŕ morta, dorme...
      Ed Ŕ un grosso rischio per lei, visto che in zona ci sono gli sciacalli che non sempre sono simpatici!

      Proseguiamo sulla spiaggia fino ad arrivare a questo punto, una barriera che attraversa il deserto del Namib...

      Rappresenta ufficialmente il limite del parco, ma ha una storia molto interessante:
      Durante la prima guerra mondiale, le truppe britanniche e quelle tedesche si scontrarono duramente in questa zona.
      Solo che il paesaggio Ŕ tutto uguale e senza elettronica era difficile capire chi stesse vincendo, magari solo conquistando 2 granelli di sabbia.

      A quel punto, i vertici militari proposero una tregua, durante la quale i prigionieri di guerra di entrambi gli schieramenti lavorarono fianco a fianco per costruire la barriera.
      Alla fine dei lavori, le ostilitÓ ripresero.

      Quello che ci racconta Herman sulle foche gnucche Ŕ dimostrato dalla grande quantitÓ di ossa che ci sono nei dintorni:


      Ma da questo punto...

      COMINCIA IL DIVERTIMENTO!

      Hermann attacca le 4 ruote e comincia a scalare le dune, ogni volta per portarci pi¨ in alto!














      Il panorama Ŕ incredibile, il deserto arriva sul mare, la battigia Ŕ l'unica strada solida, almeno per qualche ora al giorno... si, perchÚ quando sale la marea la strada finisce sott'acqua!

      In cima alle dune ci racconta di turisti sprovveduti che si sono persi nel deserto, con macchine inadeguate, senza una bottiglia d'acqua, senza un gps. Ad occhio sembra una spiaggia oversize, ma se si perde di vista il mare, si perde completamente l'orientamento.

      E si che ce ne sarebbero da vedere, qui nel Namib... c'Ŕ un relitto di una grossa nave arenata, che adesso si trova a qualche km dalla costa, ci sono animali, ci sono oasi...

      Si, anche nella desolazione, nei punti pi¨ bassi c'Ŕ della vegetazione, ci sono degli animali:




      I Namibian Rat (gli springbok) e una mouette che svolazza felice, trascinata dal vento!

      Per darvi un'idea precisa di quello che abbiamo fatto, ecco, questo Ŕ Hermann col suo macchinone alle prese con una duna.



      Alla fine dei saliscendi, Ŕ arrivato il momento del pranzo...
      5 minuti di pausa per usare la desert toilet (cerca una duna abbastanza alta che ti copra e restituisci al mondo quello che hai preso prima) e il nostro ospite ci imbandisce una tavola tra le dune!



      Ostriche, una cosa con la zucca (alla quale sono allergico e me ne sono tenuto alla larga), i celeberrimi Namibian Veggies, cioŔ pollo e maiale, il tutto accompagnato da una bottiglia di champ... no, non je la posso fa', di vino bianco frizzante.


      Solo che ora di frizzante non c'Ŕ solo il vino (che piace un sacco ai moscerini, visto che ci si suicidano dentro, ma come insegna Bear Grylls, sono proteine, va benissimo!), ma anche l'aria... il vento rinfresca, le nuvole arrivano dal mare, coprono il sole, comincia a tuonare...



      Hermann chiama dicendo che piove e dall'agenzia lo prendono per il culo, qui a Sandwich harbor non piove mai!
      Quasi mai, aggiungo!


      Tornando verso Walvis Bay, ci fermiamo a guardare questi strani uccelli...
      Pellicani, direte voi... No, pellicotteri, visto che hanno lo stesso colore rosato dei fenicotteri!



      Si, perchÚ la salina Ŕ ricca di alghe che contengono dei batteri che gli danno un colore rosso, che si trasferisce agli animali che ne mangiano.



      Nonostante la pioggia, riusciamo a vedere anche i fenicotteri ed mentre siamo fermi, Hermann si china, raccoglie un rametto di erba e tutto contento ci fa "questa si mangia!".


      Eh, caro Hermann, noi non siamo turisti normali, siamo un po' pi¨ strani... ci mangiamo anche la salicornia, o asparago di mare, e la conosciamo... In effetti ci resta un po' male, ma Ŕ stato davvero una gran guida per questa giornata.
      Ci da anche un sacco di ottimi consigli sulla guida in fuoristrada... l'agenzia di noleggio ci ha detto di non usare il 4x4 se non per casi estremi e di confiare le gomme a 2 sull'asfalto e 1.8 sullo sterrato... Invece ci raccomanda di usare sempre la trazione integrale e che la pressione non deve essere superiore a 1.4/1.6 sugli sterrati... gli daremo retta, 1.6 a caldo ed Ŕ vero, le vibrazioni si sentono molto meno!





      Torniamo a casa, facciamo una lavatrice e via, a fare un po' di spesa e una passeggiata per Swakopmund.





      Ecco, se andate in Namibia, dovete stare attenti a questi tizi, che con un nocciolo di un qualche frutto vi fermano, vi chiedono il nome e in 2 minuti vorrebbero vendervi un portachiavi personalizzato...



      Sono carini, ma non posso mica comprarne 10!





      Swakopmund sembra una cittÓ tedesca trapiantata sul mare, con le case a graticcio sulla spiaggia, incongruenti.



      Ci godiamo un bel tramonto e per riscaldarci dopo tanto vento, proviamo una birra locale... Siamo in Germania, no?

      Un bel flyer con 3 assaggi, molto buona, hanno imparato bene!
      Per cena decidiamo di andare al Jetty, il ristorante sul molo... o meglio in fondo al molo!
      Si percorre la passerella per arrivare, solo che col mare in tempesta non Ŕ bellissimo, rumore, schizzi e le onde che si vedono tra un'asse e l'altra...



      Per˛ ne vale la pena...
      Ostriche, cotte e crude, pesce, gamberi e 2 calici di vino, tutto davvero ottimo, per una spesa di 910N$, meno di 55Ç...


      Domani ci aspetta la costa nord, buonanotte!














    9. #69
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Men¨ Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Men¨ Social</u></b><br>.
      Men¨ Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,724

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Molto bello!!
      Riccardo

      ôUn viaggio non inizia nel momento in cui partiamo nÚ finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtÓ comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    Tag per Questa Discussione

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  
    Privacy

    ForumViaggiatori.com
    di Claudio BonÓ
    Partita IVA: 06207570968

    Seguici su: