Nome utente o mail:

Hai già un account ?


Dimenticato password ?
clicca QUI
  • ACCEDI a FV    o     REGISTRATI

    ForumViaggiatori


    NOVITA' Assicurazione Viaggio AXA ASSISTANCE - SCONTO 10% solo per gli utenti FV - Codice Promo = FV10

     

    Che Tempo fa ?   dove andare nel mese di ...

     

    Coperto il 15% delle SPESE mensili SERVER275
     
    -
     

                   

    Generico

      Italia   Europa   Nord
    America
      Centro
    America
      Sud America
    Antartide
      Asia   Africa   Oceania  

    VISTO ESTA PER GLI STATI UNITI:     https://www.esta-usa-visto.it      PER CHI PRETENDE UN SERVIZIO CON SUPPORTO IN ITALIANO

     

    LINK

    SCONTI &
    Convenzioni
      FiveSenses
    ANTIGUA
    Caraibi
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE
      SPAZIO
    DISPONIBILE


    Grazie Grazie:  2
    Mi Piace Mi Piace:  25
    + Login o Registrati per inviare un messaggio
    Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
    Risultati da 1 a 15 di 23

    Discussione: Sunti malgasci

    1. #1
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito Sunti malgasci

      Eccoci di ritorno da un viaggio in Madagascar in compagnia di Sabrina e Alessandro (Ale74) che ce lo ha proposto diversi mesi fa e ha tenuto i contatti con il TO malgascio che abbiamo scelto (grazie Ale!).
      E’ stato dunque un altro viaggio “targato FV” e, almeno per la mia esperienza (ormai sono al quinto, tre dei quali con Alessandro e Sabrina), questo è già garanzia di successo!

      Sunti malgasci-dsc_0885.jpg (eccoci a scuola...)


      Ma, oltre al valore aggiunto dell’ottima compagnia, è stato un bel viaggio perché il Madagascar è decisamente piacevole.
      Sicuramente non rientra nei miei top five (anche perché ormai temo che la classifica sia ben consolidata ) ma …comunque un bel viaggio!
      Dato che, prima di poter pubblicare il diario, ci vorrà un bel po’ di tempo, come al solito metto qualche considerazione di sintesi insieme ad un po’di informazioni utili e alcune foto (vabbè anche qualcosa in più di “alcune”...) che ho sviluppato in anteprima.

      Cominciamo dal programma del viaggio (19 luglio – 7 agosto):


      1. partenza da Roma
      2. arrivo ad Antananivo
      3. Antananarivo-Ranomafana
      4. Ranomafana-Ambalavao
      5. Ambalavao-Anja-Ranohira
      6. Isalo
      7. Ranohira-Tulear
      8. Tulear-Anakao
      9. Anako-Ambalavao
      10. Ambalavao-Ambositra-Antsirabe
      11. Antsirabe-Kirindy
      12. Kirindy-Bekopaka
      13. Grandi Tsingy
      14. Bekopaka – Allée des Baobabs –Morondava
      15. Morondava – Antsirabe
      16. Antsirabe – Andasibe
      17. Riserva V.O.I. e riserva privata Vakona
      18. Andasibe – Antananarivo
      19. partenza da Antananrivo
      20. arrivo a Roma


      Questo programma ricalca, con un diverso ordine dei luoghi visitati, abbastanza fedelmente quello del viaggio fatto da Letizia e Michele (Gagia e Gagio) nel 2015, con qualche piccola differenza dovuta al fatto che noi avevamo quattro giorni in meno a disposizione.
      Nella fase di studio ci era sembrato un programma abbastanza completo e così in effetti si è rivelato.
      Le due discese dagli altopiani centrali vero la costa ovest ci hanno permesso di vedere paesaggi via via differenti, differenze che si sono evidenziate anche nella diversa costruzione delle abitazioni.
      E, al di là della varietà dei paesaggi e degli ambienti, l’itinerario pianificato ci ha permesso di toccare tre dei luoghi più belli del Madagascar : il parco nazionale dell’Isalo, l’Allée des Baobabs e i Grandi Tsingy sull’altopiano di Bemaraha.
      L’unico neo dell’itinerario è stato il dover ripercorrere le stesse strade sia all'andata sia al ritorno.
      Sarebbe stato probabilmente meglio poter fare un percorso ad anello (risalendo da Tulear a Morondava passando lungo la costa) percorrendo anche molti meno km (in totale ne abbiamo fatti circa 4.000) però per farlo avremmo dovuto affrontare quattro giorni di pista molto sconnessa con poche strutture “turistiche” per dormire durante il tragitto. Oltre le maggiori difficoltà, questa scelta ci avrebbe allungato il viaggio di un altro giorno e quindi l’abbiamo accantonata.

      Capitolo clima: il mesi di luglio e agosto sono sicuramente tra i migliori per visitare il Madagascar. Noi siamo stati particolarmente fortunati perché in 18 giorni effettivi di viaggio abbiamo avuto sempre bel tempo con un paio di annuvolamenti più consistenti nelle ore più calde e una sola pioggia notturna. Ci siamo scampati la pioggia anche nelle foreste pluviali dove le probabilità di prendere l’acqua sono abbastanza elevate (altrimenti che foreste pluviali sarebbero? ).
      I primi tre o quattro giorni, come ci era stato preannunciato da Fabrizio, il titolare di Freebird (il TO malgascio che abbiamo scelto), c’è stato un forte calo delle temperature. Nulla di fastidioso di giorno ma la sera e la notte il freddo si faceva sentire anche perché le stanze degli alberghi non hanno il riscaldamento (almeno quelli dove siamo andati noi), tant'è che abbiamo spesso chiesto una seconda coperta….
      Poi, scendendo dagli altopiani le temperature sono diventate decisamente più gradevoli e, una volta passato il “fronte freddo”, anche il ritorno alle quote più elevate degli altopiani (1000/1500 m) è stato più “tranquillo”.

      Costi: direi che il Madagascar è abbastanza economico. L’optimum è, ovviamente, andare in quattro in modo da ripartire i costi di macchina e autista. Il costo dipende anche dalla scelta degli alberghi ma non so di preciso quanta sia la differenza di costo tra le varie categorie.
      Noi abbiamo scelto hotel di livello e medio e ci siamo trovati generalmente bene con la sola eccezione dell’hotel di Antsirabe che era abbastanza “scacino” (però aveva il vantaggio di trovarsi accanto al miglior ristorante della città: Chez Jenny).
      Per mangiare abbiamo speso da un minimo di 5,25 euro ad un massimo di 16,75 euro a persona, direi molto poco…
      Gli unici altri costi che abbiamo dovuto sostenere sono stati quelli per le guide nei parchi (il biglietto di entrata era invece compreso nel pacchetto). Le guide sono sempre obbligatorie.
      Il costo più alto è stato per la guida ai Grandi Tsingy: 38 euro in quattro per un totale di quattro ore di percorso e comprensivo delle imbracature.
      Poi ci sono le mance…ma dato il basso costo della vita in Madagascar andrebbero lasciate in proporzione, quindi non a livelli occidentali. Il problema è riuscire ad avere sempre banconote di piccolo taglio.
      Per il volo abbiamo scelto Ethiopian Airlines che, al momento della prenotazione, era (a meno di non fare giri assurdi) quello che costava meno: 836 euro.

      Malaria: dopo un po’ di “analisi” abbiamo deciso di non fare la profilassi e di affidarci alla prevenzione (Alessandro e Sabrina invece hanno preferito farla). Quindi maniche lunghe la sera e insetticida con deet al 50%. Qualche zanzara l’abbiamo vista ma non molte. Quasi tutti gli hotel hanno zanzariere alle finestre e sopra i letti. Il problema delle zanzariere sopra i letti è che non sempre sono ben fatte e quindi è a volte difficile tenere i lembi sovrapposti (può essere utile portarsi qualche molletta per tenerli uniti). Io non sono mai stato punto invece Alda ha avuto un paio di “pizzicate”.

      Strade: dopo quello che avevo letto, temevo peggio. Certo ogni tanto si incontrano tratti, anche lunghi, con molte buche, però in genere quelle che abbiamo percorso noi non erano poi così pessime. Pur essendo tutte “route nationale” sono comunque abbastanza strette e ai lati si incontra di tutto, gente a piedi, animali, biciclette, carretti tirati da zebù, carretti spinti a mano, macchine o camion fermi per un guasto, taxi brousse fermi per far salire o scendere i passeggeri e robe varie.
      Bisogna quindi andare abbastanza piano anche perché, come ci ha detto Sytraka il nostro autista, una parte degli autisti dei taxi brousse non hanno la patente.
      Sulle piste gli scossoni e i sobbalzi sono garantiti…

      Alimentazione: abbiamo mangiato sempre abbastanza bene (unica eccezione è stata la volta che abbiamo voluto provare una zuppa tipica malgascia..), sugli altopiani il piatto forte è rappresentato dalla carne di zebù, cucinata in vari modi, lungo le coste ovviamente c’è una buona offerta di pesce. Non abbiamo mai assaggiato “cibo di strada” per evitare “problemi al pancino” e problemi non ne abbiamo avuti.

      Cambio: da quello che ho letto, conviene cambiare all’aeroporto. Noi abbiamo approfittato dell’offerta del TO di mandarci una persona in hotel per farci il cambio là. Direi che ci ha fatto una buona quotazione 4.055 ariary per un euro. Il problema è stato poi trovare un modo per sistemare gli oltre quattro milioni di ariary che, in banconote da 20.000 e da 10.000, anche dividendoli in due occupano un sacco di spazio!
      Alla fine abbiamo cambiato gli ariary rimasti in aeroporto senza che ci fosse richiesta la ricevuta del cambio iniziale (che non avevamo).

      Fotografia: non ci sono particolari problemi a fotografare le persone (anche se qualcuno mi ha detto di no). Per quanto riguarda i lemuri la situazione è variabile: a volte vengono abbastanza vicino e quindi non servono focali eccessivamente spinte, altre volte invece se ne stanno sui rami alti di qualche albero e allora lì un buon 300 o più farebbe comodo. La controindicazione dei teleobiettivi tipo 70-300 è che, normalmente sono poco luminosi (in genere sono 3,5:5,6) e questo può creare qualche problema soprattutto nelle foreste pluviali dove c’è meno luce. Ovviamente, per tenere tempi accettabili, si possono alzare gli ISO ma poi la qualità finale della foto dipende dalla qualità della macchina.

      Sicurezza: non abbiamo avuto alcun problema. Solo attraversando le strade di Antananarivo il nostro driver ci ha raccomandato di non tenere borse o macchine fotografiche vicino ai finestrini. Una sera a Tulear ci siamo “avventurati” a piedi in cerca del ristorante che avevamo scelto. In effetti la LP consigliava, con il buio, di spostarsi i taxi però dovevamo fare solo 450 metri…
      Il ritorno, con parte delle strade semibuie e pochissima gente in giro, è stato leggermente inquietante ma non è successo niente.

      Ora le foto!

      Cominciamo con gli animali.
      Ovviamente il grande protagonista del Madagascar è il lemure.
      Ce ne sono circa 60 specie, tra diurni e notturni.

      Sunti malgasci-dsc_4573.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4575.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4831.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4837.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5615.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5631.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5647.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6337.jpg

      L'altro protagonista del Madagascar è il camaleonte

      Sunti malgasci-dsc_6094.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6097.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6104.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6115.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6140.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6141.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4635.jpg

      Poi ce ne sono tanti altri, eccone uno piccolino...

      Sunti malgasci-dsc_6086.jpg
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    2. #2
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Il parco nazionale dell'Isalo è un mix tra paesaggi dei parchi dell'ovest americano, savana africana e anche qualcos'altro nelle gole dove ci sono le piscine naturali.
      Qualunque cosa ricordi, è comunque un parco molto bello.
      Molto famosa è la "Finestra dell'Isalo". In realtà è un po' una delusione perchè non è altro che una piccola apertura su alcune rocce non molto alte, nulla a che vedere con Arches!
      E poi, soprattutto con l'approssimarsi del tramonto, la finestra è affollata di gente che si fotografa o si fa fotografare. Basta però girare dall'altro lato delle rocce, verso il lato "acceso" dalla luce del sole calante per vedere un altro paesaggio.

      Sunti malgasci-dsc_0537.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0550.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4707.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4714.jpg

      All'interno del parco si possono fare diversi percorsi, noi abbiamo scelto il più lungo tra quelli che ci proponeva la guida.

      Sunti malgasci-dsc_0561.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4780.jpg

      Ad un certo punto si scende in una stretta gola dove ci sono due "piscine" naturali (un'altra si trova in una diversa zona del parco). Il sentiero per arrivare alle piscine è stretto e un po' scivoloso per il fango e l'umidità che coprono le rocce. Bisogna fare un minimo di attenzione.

      Sunti malgasci-dsc_4854.jpg

      La zona delle "piscine" è quella più affollata del parco, non abbiamo visto però quasi nessuno che si immergesse. E, a dire il vero, non ne vedo la necessità, intanto perchè l'acqua non è certo calda,poi perchè bisogna portarsi appresso qualcosa per asciugarsi e per pulirsi i piedi dal fango di cui inevitabilmente si coprono uscendo dall'acqua. Insomma quanto meno scomodo!
      A me poi quelli che si immergono rovinano le foto !
      Fortuna che quando scattavo c'era solo un turista, probabilmente nord europeo, che si trascinava appresso un figlio piuttosto riluttante...

      Sunti malgasci-dsc_4858.jpg

      I Grandi Tsingy sull'altopiano di Bemaraha sono sicuramente qualcosa di unico. Non è la prima volta che vedo formazioni rocciose di origine carsica, ma come queste non mi era mai capitato!
      Il circuito percorribile all'interno del massiccio, oltre a consentire viste spettacolari, è molto divertente!
      Bisogna però essere un po' allenati e, secondo me, un minimo di esperienza di montagna non guasta.
      Di fatto il percorso è assimilabile a quello di una Via Ferrata facile, infatti si viene imbracati e, in certi punti, bisogna usare i moschettoni.
      Comunque nulla di particolarmente difficile.

      Le difficoltà maggiori le ho trovate dovendo oltrepassare alcuni passaggi molto stretti o, peggio, con la volta veramente bassa.
      Io sono abbastanza alto e con lo zaino sulle spalle, pur procedendo abbastanza accoccolato (per quanto lo consentivano le mie vecchie ginocchia ) mi sono trovato bloccato. L'unica soluzione è stato togliere lo zaino dalle spalle e spingerlo avanti.


      Sunti malgasci-dsc_0938.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0963.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0978.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0996.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1015.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1024.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4810.jpg

      Infine i baobab!
      Mano a mano che dagli altopiani si scende verso le coste, se ne vedono sempre di più.
      I baobab sono sempre alberi molto belli,il luogo famoso però è l'Allèe des Baobabs, un punto in cui la pista sabbiosa che va verso Kirindy è affiancata dai baobab.
      In realtà è un tratto piuttosto corto, qualche centinaio di metri, però, soprattutto al tramonto, ha il suo fascino.

      Sunti malgasci-dsc_5552.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5569.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1356.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1357.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5995.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6003.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6014.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5596.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6033.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6048.jpg

      Sunti malgasci-dsc_6059.jpg
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    3. #3
      L'avatar di mouette
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      staff
      Post
      3,391

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Riccardo, grazie per il bellissimo regalo! Sunti malgasci

      Inviato da Hogwarts
      Barbara
      Non si diventa marinai restando in porto a sognare gli oceani
      Madagascar agosto 2019 - Palermo ottobre 2019 - California dicembre 2019




    4. #4
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Al mare siamo stati solo una giornata (ad Anakao), e neanche intera.
      Abbiamo scelto così perché a nessuno di noi quattro piace particolarmente restarcene ore sotto il sole nè siamo appassionati di snorkeling.
      Comunque, per completare i "panorami" del Madagascar e anche per passare una giornata un po' più rilassata, è andata bene così.

      Sunti malgasci-dsc_0611.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0621.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5032.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5949.jpg

      Quello che ho trovato "divertente" e insolito è stato il modo di salire sul motoscafo che in un'ora ci avrebbe portato da Tulear ad Anakao.
      Ci siamo affacciati alla piattaforma di legno di "Anakao express" aspettandoci di trovare il mare e il motoscafo ormeggiato e invece...solo una distesa di sabbia con pozze d'acqua e barche arenate.
      Bassa marea!!!

      Sunti malgasci-dsc_0606.jpg

      Come arrivare al motoscafo?
      Niente paura, ecco arrivare tanti carretti tirati da zebù e guidati da ragazzi e ragazzini su cui caricare passeggeri e bagagli!

      Sunti malgasci-dsc_4991.jpg


      Sunti malgasci-dsc_4987.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5084.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5015.jpg

      Altra esperienza "acquatica" è stata l'attraversamento dei fiumi Tsiribihina e Manabolo per raggiungere la zona dei Tsingy.
      Il traghetto sul Tsiribihina è decisamente particolare. In genere sul traghetto si sale da poppa e si scende a prua, oppure si riscende da poppa andando in retromarcia.
      Qui invece si sale in direzione perpendicolare a quella poppa/prua, il che comporta manovre molto particolari.
      Quando il traghetto arriva, vengono posizionati due scivoli in corrispondenza della prima macchina della fila (parallela), questa scende e il suo posto viene occupato dalla prima macchina che deve attraversare il fiume. Poi bisogna spostare gli scivoli, aiutandosi con piccoli spostamenti a spinta del traghetto, in corrispondenza della seconda macchina che, a sua volta scende, e il suo posto viene occupato dalla seconda macchina che deve attraversare.
      E così via...poi alla fine salgooìno anche i passeggeri.
      Ovviamente per scaricare e caricare ci vuole il suo tempo...
      E nell'attesa si può approfittare per fotografare la "vita" che scorre intorno.

      Sunti malgasci-dsc_0713.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0724.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0709.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5911.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5936.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5881.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5874.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5748.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5746.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5721.jpg
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    5. #5
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Citazione   Originariamente scritto da mouette   Visualizza Messaggio
      Riccardo, grazie per il bellissimo regalo! Sunti malgasci

      Inviato da Hogwarts
      Ho fatto in tempo!
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    6. #6
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Ultimo gruppo di fotografie: la gente e i paesaggi lungo la strada.
      Come ho detto, i chilometri da fare sono stati tanti e la velocità è stata necessariamente ridotta.
      E dunque c'è stato poco tempo per soste extra.
      Ogni tanto comunque abbiamo chiesto al nostro driver di fermarsi lungo la strada, anche se non sempre abbiamo fatto le scelte giuste (nel senso che ci siamo fermati in punti tutto sommato non particolarmente fotogenici mentre ne abbiamo lasciati passare altri decisamente migliori).
      A volte mi sono accontentato di foto in corsa abbassando il finestrino con tutte le difficoltà che questo comporta.


      Sunti malgasci-dsc_4304.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0641.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0759.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1670.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1219.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5249.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5256.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4671.jpg

      Lo stesso discorso vale per la gente, ci sarebbe piaciuto fermarci più spesso in qualcuno dei villaggi incontrati lungo la strada ma il tempo era poco. Ma alcune soste le abbiamo comunque fatte: una scuola (dove abbiamo portato quaderni e penne), la zona dei cercatori di zaffiri e quella dei cercatori d'oro, il mercato degli zebù...

      Sunti malgasci-dsc_0748.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0495.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0772.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0850.jpg

      Sunti malgasci-dsc_0876.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1086.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1163.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1197.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1240.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1257.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1264.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1413.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1416.jpg

      Sunti malgasci-dsc_1699.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4256.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4272.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4485.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4496.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4513.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4739_bn.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4875.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4883.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4907.jpg

      Sunti malgasci-dsc_4934.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5349.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5461.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5472.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5483.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5521.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5857_bn.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5865.jpg
      Sunti malgasci-dsc_5945.jpg

      Sunti malgasci-dsc_5987.jpg
      Anteprime Allegate Anteprime Allegate Sunti malgasci-dsc_0885.jpg  

      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    7. #7
      L'avatar di laross
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Sunti malgasci
      Post
      1,413

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      complimenti riccardo...come sempre i tuoi scatti sono una meraviglia..riesci a inquadrare dei veri pezzi di vita ,in ogni luogo in cui vai....ti ammiro sempre
      Ci saranno sempre dei sassi sul tuo cammino...dipende da te se farne dei muri o dei ponti. Sorridi alla vita.




    8. #8
      L'avatar di Silvia
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Sunti malgasci
      Post
      1,161

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Un altro bellissimo viaggio e altre bellissime foto!!

    9. #9
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Citazione   Originariamente scritto da laross   Visualizza Messaggio
      complimenti riccardo...come sempre i tuoi scatti sono una meraviglia..riesci a inquadrare dei veri pezzi di vita ,in ogni luogo in cui vai....ti ammiro sempre
      Grazie mille Laura!
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    10. #10
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Grazie Silvia!
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    11. #11
      L'avatar di acerorosso
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      staff
      Post
      9,357

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Bellissimo viaggio , complimenti


      Inviato dal mio iPad con Tapatalk HD
      Moira, Giovanni e Akim
      [B]www.fotoinviaggio.it
      2018 Legoland, Austria e poi .....2017 Valencia, Stati Uniti e Valle d'Aosta 2016 Bologna, Marche, Lazio, Umbria, Toscana ed Emilia, Trento 2015 Londra Thailandia Val Gardena Livigno



      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    12. #12
      L'avatar di RICAFF
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Esperto Fotografico
      Post
      3,836

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Grazie Moira!
      Riccardo

      Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati."R.Kapuscinski


      http://ricaff.smugmug.com/



      .
        Donazione FV


      Visita il mio sito !  Scambio Link Autorizzato da FV. Scambio Link Autorizzato 


    13. #13
      L'avatar di lahsa
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Sunti malgasci
      Post
      455

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      foto meravigliose!!! baobab e camaleontini!!!
      solo i pesci morti seguono il flusso della corrente - proverbio cinese
      to travel is to live -Silvia




    14. #14
      L'avatar di ale74
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      staff
      Post
      6,297

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      Ha già detto tutto lui. Grazie Riccardo.

      Posteremo anche la recensione di Freebird, che è sicuramente da prendere in considerazione per organizzare il viaggio.
      Aggiungo solo che il pacchetto ci è costato 1050 euro a testa e comprendeva la guida/autista, la macchina e la benzina, gli ingressi ai parchi, notte e colazione negli hotel (più la cena di Anakao).
      Ripensadoci, vista la realtà dei luoghi (che io avevo decisamente sopravvalutato), può andare bene anche scegliere l'opzione mezza pensione, con le cene comprese, perchè di fatto abbiamo sempre cenato in hotel.

      Per il resto non posso che confermare ogni parola scritta da Riccardo.
      A proposito, la foto di classe è bellissima. Chissà se ci hanno individuato, ragazzi tra i ragazzi...
      Alessandro

      le foto dei miei viaggi - QUI
      prossimamente... madagascar




    15. #15
      L'avatar di lahsa
      <b><u>Menù Principale</u></b><b><u>Info Utente</u></b><b><u>Ringraziamenti</u></b><br>.<b><u>Menù Social</u></b><br>.
      Menù Principale

      Sunti malgasci
      Post
      455

      Paesi Visitati
      MAPPA

      Predefinito

      la prossima volta mi portate con voi!?
      solo i pesci morti seguono il flusso della corrente - proverbio cinese
      to travel is to live -Silvia




    Tag per Questa Discussione

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  
    Privacy

    ForumViaggiatori.com
    di Claudio Bonà
    Partita IVA: 06207570968

    Seguici su: